Sapori Reclusi

R-Women Afghanistan

Associazione Saporireclusi – Diamo voce a chi non ha voce

Associazione Saporireclusi

IBAN R-women Afghanistan: IT30U0617046320000001629433

Info progetto

SaporireclusI

R-Woman Afghanistan

L’iniziativa “R-Women Afghanistan” è stata concepita dall’associazione Sapori Reclusi con l’obiettivo di portare alla luce una verità spesso trascurata o ignorata sulla condizione delle donne afghane attraverso l’arte. Questo progetto mira anche a promuovere un dibattito più ampio sulla posizione delle donne nella società contemporanea.

R-Women Afghanistan è la naturale prosecuzione della prima edizione di R-Women”, che ha messo in evidenza le donne iraniane e la loro determinazione nel resistere all’oppressione. Ora, il focus è rivolto alle donne afghane, ponendo l’accento sulla loro resilienza e la loro capacità di adattarsi alle continue imposizioni sociali e culturali.

Basato su una mostra fotografica itinerante, il progetto propone una serie di reportage e lavori fotografici realizzati da fotografi internazionali. Queste opere ritraggono le donne afghane nella loro vita quotidiana durante gli ultimi 30 anni. Attraverso queste immagini, è possibile cogliere l’evoluzione e le involuzioni delle libertà delle donne nel corso del tempo, oltre a lasciare una nota di preoccupazione per il futuro.

La mostra fotografica attraverserà l’Italia ed Europa e coinvolge il pubblico in dibattiti, eventi culturali e incontri nelle scuole. L’obiettivo è Sensibilizzare le persone sulle difficoltà affrontate dalle donne afghane e promuovere l’emancipazione femminile, il riconoscimento dei diritti delle donne da parte dei governi democratici e la parità di genere.

L’esposizione è curata da due fotografi di grande esperienza: Davide Dutto, presidente dell’associazione Sapori Reclusi, e Manoocher Deghati, noto per il suo impegno a Kabul e la formazione di fotoreporter di talento. Parteciperanno fotografi iraniani, afghani e italiani, tra questi un premio Pulitzer.

Sostieni

R-Woman

Sostieni Sapori Reclusi

Sostieni
R-Woman

Per entrare a fare parte di questo progetto e contribuire alla cancellazione dei pregiudizi verso la rappresentazione delle donne contattateci e seguite la nostra pagina su Facebook/R-Women!

IBAN R-women Afghanistan:
IT30U0617046320000001629433

I fotografi che parteciperanno al progetto

  1. Manoocher Deghati (Iran, Italia), fotoreporter indipendente, attivista, fondatore della prima scuola di fotografia a Kabul.
  2. Massoud Hosseini (Afghanistan, USA), fotoreporter indipendente, vincitore del premio Pulitzer nel 2012.
  3. Farzana Wahidi (Afghanistan, Germania), fotografa documentarista afgana-
  4. Fatimah Hassaini (Afghanistan, Francia), fotografa, artista, attivista.
  5. Rada Akbar (Afghanistan, Francia), fotografa, artista concettuale, attivista.
  6. Tahmina Saleem (Afghanistan), fotoreporter e videomaker attualmente attiva in Afghanistan.
  7. Mahshad Jalalian (Iran, Afghanistan), fotoreporter indipendente, attualmente attiva in Afghanistan.
  8. Ebrahim Noroozi (Iran, Afghanistan), fotoreporter indipendente, attualmente attivo in Afghanistan.
  9. Ali Khara (Iran, Afghanistan), fotoreporter indipendente, attualmente attivo in Afghanistan.
  10. Davide Dutto (Italia), fotografo e presidente dell’Associazione Sapori Reclusi

Sostieni il progetto

Aiuta il progetto R-Woman aFGHANISTAN

Per entrare a fare parte di questo progetto e contribuire alla cancellazione dei pregiudizi verso la rappresentazione delle donne contattateci e seguite la nostra pagina su Facebook/R-Women!

IBAN di Sapori Reclusi:
IT68Z0617046320000001531236

Sapori Reclusi

Chi siamo e cosa abbiamo fatto

L’Associazione ha come oggetto la ricerca e la documentazione di realtà recluse, nascoste e la successiva divulgazione e comunicazione di tali esperienze, al fine di favorire l’educazione alla cittadinanza attiva e consapevole attraverso il confronto con una realtà lontana. Sulla base di questi obiettivi l’Associazione intende dare voce a realtà nascoste attraverso eventi e manifestazioni culturali.

Dal 2010, Sapori reclusi si è impegnata su più fronti, per comunicare e sensibilizzare le persone favorendo il contatto dentro/fuori, mediante:

  • presentazioni di libri (come “Evasioni”, “Il Gambero Nero”, “Passioni – Sogni di massima sicurezza”);
  • mostre fotografiche (“Dal Gambero Nero a Sapori Reclusi”, “R-Women – Essere donne in un mondo complesso”, “Face To Face – L’arte contro il pregiudizio”);
  • proiezione di cortometraggi girati in carcere (The Squad),
  • organizzazione di eventi (le cene stellate “Più stelle meno sbarre” – Saluzzo);
  • aiuti umanitari e accoglienza (Free Ukraine).

Mettiti in CONTATTO

SaporiЯeclusi